Ottobre 12, 2022

Il benessere psicofisico è figlio di uno stile di vita sano

  • L’OMS definisce la salute come lo «stato di completo benessere fisico, psichico e sociale».
  • Il benessere psicofisico è un diritto fondamentale dell’uomo e un obiettivo condiviso da tutti.
  • Per raggiungere uno stato di benessere è necessario raggiungere uno stato di armonia tra corpo, mente ed emozioni.
  • Ci sono alcune strategie di vita che possiamo mettere in atto per coltivare l’equilibrio dei nostri sistemi e mantenere alta la qualità della vita. 
  • Praticare regolare attività motoria fa bene al corpo, alla mente e all’anima, e favorisce il mantenimento del benessere psicofisico.
  • Una corretta alimentazione è fondamentale: omega 3, fibre, proteine e vitamine sono i nostri alleati a tavola.

Un nuovo concetto di salute

Cosa vuol dire benessere? La risposta più breve è che non esiste una risposta unica. Il perfetto stato di salute per una persona può essere infatti completamente diverso da quello di un altro individuo. Questo perché il concetto di benessere non solo è soggettivo, ma anche trasversale. Se, infatti, in passato si definiva il benessere come mancanza di patologie fisiche, oggi lo si identifica come una condizione generale di buona salute, a sua volta intesa come una combinazione complessa di fattori fisici, mentali, emotivi e sociali. Per questo, nella nostra società, non si parla più semplicemente di benessere, bensì di benessere psicofisico. Questo nuovo concetto di salute è stato ripreso anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che, nella sua Costituzione, la definisce come lo «stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia». Il benessere psicofisico è considerato un diritto e, come tale, si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano agli esseri umani. Non solo, il benessere psicofisico è anche un obiettivo che ognuno di noi cerca di raggiungere in molti ambiti della propria vita: quello lavorativo, familiare, domestico, alimentare, sanitario, e non ultimo quello individuale.

Corpo, mente, emozioni… Il benessere psicofisico è una questione d’armonia 

La salute come benessere psicofisico, abbiamo visto, è multidimensionale: va a toccare vari ambiti della vita personale e sociale di ognuno di noi. Si basa su un’armonia tra il benessere del corpo, quello della mente e quello della sfera emotiva e ruota attorno al concetto di postura. Con questo termine ci si riferisce alla capacità di percepire il proprio corpo nello spazio a livello sensoriale. Il nostro sistema posturale, infatti, non è soltanto un insieme di articolazioni e muscoli, ma un catalizzatore di emotività. Le nostre emozioni sono inscritte nella muscolatura: il modo in cui si sta in piedi o ci si muove comunica molto più di quello che immaginiamo. Di conseguenza, la consapevolezza corporea è allo stesso tempo una consapevolezza di movimento e coordinazione fra le diverse parti del corpo e fra il corpo e l’ambiente. Ma anche consapevolezza del sé interiore: dalle attività fisiche come il respiro e la digestione, fino all’attivazione delle emozioni. È, dunque, fondamentale che corpo, mente ed emozioni siano in perfetto equilibrio e in armonia tra loro per il raggiungimento del benessere psicofisico.  

Come coltivare il benessere psicofisico? 

Una maggiore consapevolezza del nesso molto stretto tra salute fisica e salute psicologica non basta. Per raggiungere il benessere psicofisico è, infatti, necessario raggiungere uno stato di armonia tra corpo, mente ed emozioni. Questo avviene quando adottiamo un approccio olistico; il che significa che le varie sfere dell’esistenza entrano in sinergia, dando luogo a un equilibrio tra tutti i sistemi: da quello cardiocircolatorio, a quello respiratorio, nervoso, digerente, immunitario, e anche quello posturale. Come fare perché ciò accada? Sebbene non esista una formula magica adatta a tutti, seguendo alcuni semplici consigli possiamo raggiungere un adeguato livello di benessere psicofisico (e i benefici ad esso correlati). 

Il segreto del benessere è nella vita di tutti i giorni

Considerando l’approccio olistico, per raggiungere uno stato di benessere psicofisico è fondamentale prendersi cura dei diversi sistemi che compongono il nostro organismo e mantenere alta la qualità della nostra vita. Un sano e corretto stile di vita è, infatti, la risorsa più facile e immediata per garantire a tutti i nostri sistemi di funzionare al meglio e di svolgere le delicate funzioni ai quali sono preposti, consentendo così al corpo di eseguire il suo lavoro con meno interferenze possibili. A riguardo, ci sono due aspetti della vita quotidiana di ognuno di noi che possono contribuire in modo significativo a farci godere di un buono stato di salute: lo svolgimento di regolare attività fisica e un’alimentazione varia e bilanciata

Svolgere attività motoria per (ri)trovare equilibrio 

Svolgere regolare attività fisica è un aspetto centrale per il raggiungimento del benessere. Il movimento è, infatti, lo strumento più utile e adeguato per far sì che tutti i sistemi del nostro organismo siano in perfetto equilibrio tra loro. Praticare regolare attività motoria migliora la forma fisica, ci mantiene a un peso ideale e rafforza tendini, ossa e muscoli. Non solo: dà luogo anche ad altri effetti positivi per mente e anima. Durante una sessione di sport, il cervello è, infatti, impegnato nella produzione di ormoni come l'adrenalina, la dopamina e la serotonina1; fondamentali per ridurre lo stress, stimolare la creatività, rinforzare la memoria e, di conseguenza, rallentare l’invecchiamento cerebrale. Sport e benessere psicofisico vanno, allora, a braccetto: basta seguire un adeguato programma di allenamento e fare semplici scelte quotidiane che ci aiutano a rimanere sempre attivi (come prendere le scale invece che l’ascensore, scegliere la bici anziché l’auto per andare al lavoro e concedersi delle lunghe passeggiate nel weekend).

Alimentazione e benessere psicofisico: cosa sapere 

L’alimentazione è una componente imprescindibile della nostra esistenza. Una dieta varia ed equilibrata e distribuita nell’arco della giornata ci fa vivere più a lungo e previene l’insorgenza di alcune patologie. A tavola, i principali alleati del nostro organismo sono: 

  • Omega 3, presenti in frutta secca, legumi e pesce. Ci proteggono da malattie cardiovascolari e aiutano le funzioni cognitive. 
  • Le fibre si trovano in frutta, verdura, legumi e cereali integrali. Riducono l’assorbimento del colesterolo, contribuiscono al corretto funzionamento intestinale e ci aiutano a perdere peso.
  • Proteine: vegetali ma anche – con più moderazione – animali. Supportano i livelli energetici, contribuiscono alla formazione di massa muscolare e alla formazione di enzimi e neurotrasmettitori.
  • Vitamine: si trovano in verdura e frutta di stagione, legumi e uova. Vari gruppi di vitamine svolgono funzioni diverse. Nell’insieme, le vitamine contribuiscono alla rigenerazione ossea, al benessere dell’apparato circolatorio, e al corretto funzionamento del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale.

Più in generale, seguire le Linee Guida per una sana alimentazione italiana è fondamentale per il raggiungimento del benessere a 360 gradi. 

Benessere psicofisico: qualche ulteriore consiglio

Non solo attività motoria e alimentazione, l’equilibrio psicofisico si ottiene anche seguendo corrette abitudini quotidiane che tutti possono mettere in pratica. Per esempio, è importante: 

  • dormire un adeguato quantitativo di tempo (che per un adulto equivale a circa 7/8 ore al giorno). 
  • Idratarsi sufficientemente durante l’arco della giornata, bevendo circa 2 litri di acqua al dì.
  • Intraprendere discipline come lo yoga o la meditazione per imparare a gestire le proprie emozioni. 

Per raggiungere uno stato di benessere a tutto tondo è fondamentale anche non sottovalutare la parte più emotiva del nostro essere. Come? Coltivando relazioni sane con le persone che ci circondano, concentrandosi sul presente e sulle emozioni positive, rimanendo ottimisti e impegnandosi verso uno scopo che ci renda soddisfatti.

NOTE:
1.The First Hormone: Adrenaline, pubblicato su Trends in Endocrinology & Metabolism nel 2019.
The effects of dopamine receptor genes on the trajectories of sport participation from adolescence through young adulthood, pubblicato su Annals of Human Biology nel 2020.
Serotonin: a review, pubblicato su Canadian Medical Association Journal nel 1970.

Articoli correlati

Quanto deve essere l’ossigeno nel sangue: livello di saturazione ossigeno ottimale

Esploriamo il ruolo della saturazione di ossigeno nel sangue, i metodi di misurazione e i rischi per la salute associati a livelli non ottimali.

Cervicalgia acuta: sintomi e terapia

Verrebbe da considerarlo un normale “male al collo”. Ma se dietro a questo dolore, intenso quanto momentaneo, si celasse un problema più importante?

Esercizi per cifosi dorsale: ecco come correggerla

Guida al trattamento della cifosi dorsale: esercizi mirati per una colonna vertebrale sana e una postura corretta.

LabofMove Srl - Via Bozzini, 2 - 37135 Verona ITALY 
P.IVA 04623680230 - REA VR - 435964
Cellulare: + 39 371 413 3252
Created by Hassel.
chevron-downmenu-circlecross-circle