Luglio 22, 2022

Perdere peso aiuta le nostre articolazioni. 5 consigli per dimagrire

  • Quando il peso eccessivo rappresenta un fattore di rischio per articolazioni e cartilagini.
  • Cambiare le abitudini alimentari attraverso l’aiuto di uno specialista.
  • Il jogging favorisce la perdita di peso e ha un effetto protettivo sull’insorgenza di artrosi.
  • Dieta mediterranea, mangiare lentamente ed evitare cibi troppo salati sono alcuni consigli per una dieta volta al dimagrimento.
  • Bere acqua prima dei pasti: un metodo per aumentare il senso di sazietà.
  • Dormire influenza i livelli di grelina e leptina, ormoni deputati al controllo degli stimoli di fame e sazietà.

Quando la causa sono i chili di troppo

Sovrappeso e obesità rappresentano due delle principali minacce della società moderna. Nessuno escluso, nemmeno l’Italia. L’ultima stima dell'Istituto Superiore di Sanità, infatti, riporta che 4 adulti su 10 sono in eccesso ponderale di peso. Una condizione che rappresenta un fattore di rischio soprattutto nello sviluppo di problemi alle articolazioni. Quando, infatti, il sovrappeso viene protratto nel tempo, grava sulle articolazioni, con un carico eccessivo favorendo, così una più veloce degenerazione delle cartilagini. Liberarsi dei chili di troppo è quindi fondamentale per diminuire il carico su di esse. In questo articolo osserviamo, dunque, cinque consigli per perdere peso.

1. Riconsiderare le abitudini alimentari 

Considerate dall'OMS come vera e propria epidemia globale, obesità e sovrappeso influiscono negativamente sulla salute delle nostre articolazioni. Per tale ragione, perdere peso risulta essere la soluzione più logica per ovviare a questo problema. In primis, grazie all’aiuto di un medico specialista è necessario creare un piano dietetico personalizzato, iniziando a riconsiderare le abitudini alimentari. Nonostante siano innumerevoli le diete e i modelli alimentari proposti, non esiste una dieta capace, da sola, di mantenere nel tempo la perdita di peso. Senza un adeguato programma di attività fisica, infatti, nessun tipo di regime alimentare sarà mai abbastanza efficace nel diminuire l’eccesso di grasso.

2. Perdere peso attraverso l’attività aerobica

Studi recenti evidenziano che, per soggetti in sovrappeso e a rischio di artrosi, dimagrire protegge dalla degenerazione delle cartilagini. Inoltre determinati alimenti come alcool o sostanze piccanti, oppure un consumo eccessivo di carni rosse producono un’alterazione del nostro microbiota intestinale – quell’immenso numero di micro-organismi batteri e virus benefici che convivono nel nostro intestino e svolgono funzioni per noi vitali, producono enzimi e altre sostanze indispensabili. Una scusa in più per abbracciare un’alimentazione equilibrata e praticare attività fisica. Come? Attraverso l’attività aerobica. Il jogging, per esempio, è particolarmente indicato per smaltire il grasso in eccesso. Ricordiamoci che siamo “nati per correre”: ci siamo selezionati in un percorso di milioni di anni come animali in movimento. Correre per le strade della città o, ancor meglio, circondati dal verde di un parco è uno dei metodi più efficaci per perdere peso e soprattutto riattivare una serie di automatismi come la respirazione e la postura, indispensabili alla vita dell’uomo. Il cammino e il jogging specie se su superfici ondulate e diversificate come in natura, porta notevoli vantaggi alla salute di cuore e polmoni, tonificando la muscolatura e migliorando resistenza e densità ossea. Recenti studi, inoltre, hanno dimostrato che la corsa, se praticata a livello amatoriale, ha un effetto protettivo sull’insorgenza di artrosi di ginocchio e anca¹. Tuttavia, se non si è allenati, correre può risultare difficile. Ecco alcuni consigli da considerare prima di iniziare:

  • nei primi periodi è consigliabile correre non più di 3 o 4 giorni a settimana;
  • prima e dopo ogni corsa è importante dedicarsi a riscaldamento e raffreddamento;
  • le sessioni di corsa dovrebbero durare al massimo 30 minuti. Riscaldamento e raffreddamento compresi.

Inoltre, è fondamentale munirsi di calzature adeguate. Indossare scarpe con la giusta ammortizzazione, infatti, garantisce una postura corretta anche durante la corsa. Preservando la salute delle articolazioni.

3. Dieta mediterranea: la scelta più sana per calare di peso

Varietà, quantità e qualità. Sono le parole d'ordine da seguire per fare scelte sane in ambito alimentare. Una corretta alimentazione è uno strumento di prevenzione per sovrappeso, obesità e non solo per preservare il sistema immunitario e proteggere dal cancro; tutte quelle patologie correlate a questo stato. Fortunatamente viviamo in Italia, e la dieta mediterranea, si sa, è riconosciuta come la combinazione migliore per soddisfare il fabbisogno del nostro organismo. Tanto da essere proclamata dall'UNESCO patrimonio culturale dell'umanità. Un regime alimentare basato sulla qualità e sulla frequenza di consumo di specifici alimenti. Come, per esempio, cereali, frutta, verdura e pesce. Tuttavia, solo se l’energia introdotta con l’alimentazione sarà inferiore a quella spesa dal corpo, si potrà assistere a una perdita di peso. Tra i consigli utili per il dimagrimento troviamo, inoltre:

  • evitare di saltare i pasti, poiché una condotta alimentare errata crea disordine nella dieta;
  • limitare la quantità di cibi grassi o eccessivamente salati;
  • consumare i pasti con calma permette di percepire maggiormente il senso di sazietà.

4. L’importanza dell’acqua

Bere acqua fa bene alla salute. Poiché è la componente principale del nostro corpo, mantenere la giusta idratazione è fondamentale. La maggior parte dei regimi alimentari  sottolinea l'importanza del giusto bilancio idrico nell’alimentazione. Tuttavia, è necessario specificare che bere molto non fa, di per sé, dimagrire. Bere alcolici, succhi non naturali e bevande gassate, non favorisce la perdita di peso, poiché l’introito calorico sarà maggiore. Secondo una ricerca condotta dall'Università di Birmingham, invece bere mezzo litro d’acqua prima dei pasti permette di aumentare il volume gastrico. Contribuendo, quindi, a stimolare il senso di sazietà².

5. Dimagrire dormendo: è possibile?

Il sonno rimane il miglior modo per concedere riposo al nostro corpo. Ma sono davvero tanti i benefici legati a una bella dormita. Alcuni studi, infatti, evidenziano che dormire in modo adeguato, sia in termini di quantità sia di qualità, influisce sulla regolazione ormonale e metabolica. In un primo momento si può pensare che dormire di più faccia dimagrire poiché durante il sonno non si può mangiare. Ma, oltre a ciò, è bene sapere che il sonno influenza l’azione degli ormoni che assicurano l’attività metabolica. In particolare aumenta l’ormone leptina, che regola la sazietà, diminuendo, al contempo, i livelli di grelina, ormone che aumenta lo stimolo della fame. Perdere peso attraverso il sonno, quindi, sembra surreale ma è possibile.

NOTE

¹ https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28504066/

² https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/oby.21167

Articoli correlati

Quanto deve essere l’ossigeno nel sangue: livello di saturazione ossigeno ottimale

Esploriamo il ruolo della saturazione di ossigeno nel sangue, i metodi di misurazione e i rischi per la salute associati a livelli non ottimali.

Cervicalgia acuta: sintomi e terapia

Verrebbe da considerarlo un normale “male al collo”. Ma se dietro a questo dolore, intenso quanto momentaneo, si celasse un problema più importante?

Esercizi per cifosi dorsale: ecco come correggerla

Guida al trattamento della cifosi dorsale: esercizi mirati per una colonna vertebrale sana e una postura corretta.

LabofMove Srl - Via Bozzini, 2 - 37135 Verona ITALY 
P.IVA 04623680230 - REA VR - 435964
Cellulare: + 39 371 413 3252
Created by Hassel.
chevron-downmenu-circlecross-circle