Maggio 23, 2022

Stanchezza e spossatezza: cosa fare

  • Quando una buona dormita non basta a recuperare le forze, è necessario considerare consigli e rimedi contro la stanchezza.
  • Caratterizzata da una condizione di stanchezza estrema, l’astenia riduce la vitalità della persona.
  • Cambi di stagione, stress e alimentazione inadeguata sono alcune delle cause di natura non patologica.
  • Stanchezza e spossatezza: ecco i rimedi per il rinforzo muscolare.
  • Pasti sani, regolari e ricchi di vitamina B sono rimedi utili a prevenire la comparsa di spossatezza e fiacchezza. 

Perché ci sentiamo giù di tono e senza forze?

A chiunque capita di sentirsi, di tanto in tanto, più stanchi e affaticati del solito. Un calo di energie generalizzato che, unito a stanchezza e spossatezza, ci fa sentire giù di tono e senza forze. Si tratta di sintomi comuni a molte persone. In genere, una buona dormita è sufficiente per recuperare le forze e rimettersi in sesto. Ma spesso questo non basta. Quando, infatti, queste sensazioni persistono per più settimane, è opportuno rivolgersi al proprio medico per approfondire. Allo stesso modo, è vantaggioso prendere in considerazione accortezze utili a combattere questi fastidiosi sintomi. Scopriamo consigli e rimedi per prevenire e contrastare stanchezza e spossatezza.

Scopriamo di più su stanchezza e spossatezza

Sentirsi in uno stato perenne di carenza energetica, faticando a rimanere concentrati anche nello svolgere le attività più banali. La stanchezza è una sensazione che, inevitabilmente, incide negativamente sulla vita di tutti i giorni. Questo termine descrive la situazione in cui la persona percepisce le proprie energie psicofisiche diminuite.
Si parla, invece, di spossatezza, per indicare una condizione di stanchezza estrema. Una fiacchezza, fisica e mentale, che, assieme a un marcato affaticamento, implica una riduzione nella vitalità della persona. Si tratta di uno stato che, in ambito medico, si traduce con il termine astenia. A ogni modo, indipendentemente da come vengono definite, stanchezza e spossatezza possono rappresentare un vero e proprio problema. 

Le cause principali 

Spesso capita, dopo una lunga nottata di sonno, di svegliarsi già stanchi. Le motivazioni possono essere svariate. Tuttavia, il più delle volte ciò è legato al mancato rilassamento durante il sonno dei muscoli posturali, per posizioni scorrette o perché il letto è troppo rigido o troppo morbido. Oppure tali muscoli non riescono a rilassarsi essendo vittime della tensione nervosa. Va specificato che stanchezza e spossatezza presentano sintomi aspecifici. Entrambe possono essere determinate da un grande numero di disturbi, non tutti prettamente di natura patologica. Partendo, ad esempio, dai cambi di stagione, durante i quali la comparsa di fiacchezza è molto comune. In particolar modo, quando dai mesi invernali si passa alle temperature miti della primavera. Oltre a ciò, tra le altre cause non patologiche, troviamo:

  • periodi di forte stress, di intensa attività lavorativa e studio;
  • stile di vita irregolare;
  • alimentazione inadeguata e diete sregolate;
  • postura scorretta.

Allo stesso modo, anche menopausa e gravidanza sono processi fisiologici che favoriscono la comparsa di affaticamento nel corpo. Tuttavia, è bene ricordare che la spossatezza rientra nella sintomatologia di un gran numero di patologie. Partendo dalla sindrome da stanchezza cronica, passando per anemia, artrite reumatoide e diabete. Ma anche patologie respiratorie, cardiovascolari e psichiatriche sono collegate a questi sintomi.

Il valore del rinforzo muscolare

Quando la mancanza di forze per affrontare la giornata diventa una costante, considerare alcune accortezze per combattere l’astenia può tornare utile. È bene, però, specificare che i rimedi variano a seconda della causa che ne sta alla base. Quando stanchezza e spossatezza sono dovute a una patologia, individuare il trattamento ottimale per quella malattia può, potenzialmente, alleviarle. Tuttavia, il più delle volte questi sintomi sono il risultato di un eccesso di stress che si accumula nel nostro sistema. Allentare un po’ i ritmi, alleggerendo il carico di lavoro o studio, per esempio, può contribuire a ricaricare le energie.
Ma non si tratta solo delle situazioni che viviamo. Anche la postura può influire notevolmente. Infatti, anche in modo asintomatico, una postura scorretta determina maggior tensione dei gruppi muscolari indispensabili alla gestione della verticale e della stabilità articolare. Per tale ragione, un’attività fisica mirata, meglio all’aria aperta, su superfici diverse, volta al mantenimento di una buona efficienza del sistema propriocettivo-posturale, rappresenta l’alleata migliore contro una postura scorretta. Esercizi a corpo libero o una bella passeggiata nel parco o lungo un fiume, specialmente se eseguiti al mattino, anche prima di colazione, sono ottimi rimedi per spossatezza e stanchezza. A beneficiarne, infatti, non è soltanto il fisico, ma anche la mente.

Stanchezza e spossatezza si contrastano anche a tavola

Insomma, tutto ciò che ci circonda può potenzialmente determinare uno stato di tensione di fondo, che nel lungo periodo può determinare criticità. La buona notizia è che i rimedi non mancano. Anche a tavola si può fare la differenza: un’alimentazione sana aiuta a prevenire la comparsa di stanchezza e spossatezza. Condizioni favorite, invece, da una dieta sregolata, incontrollata e ricca di grassi e zuccheri. È altrettanto importante regolarizzare i pasti. In particolare:

  • consumare i pasti in modo regolare dividendoli in tre pasti principali e due spuntini;
  • bere molta acqua per mantenere il giusto equilibrio idrico;
  • limitare il consumo di alcolici.
  • distribuire un adeguato apporto di grassi e proteine alla colazione, riducendoli la sera, a causa della loro minore digeribilità. 

Un occhio di riguardo va posto al consumo di cibi ricchi di vitamine del gruppo B, coinvolti nel metabolismo energetico dell'organismo. Semi, frutta secca, legumi e cereali integrali, ne sono un esempio. Ginseng e rhodiola rosea, sono, invece, alimenti adattogeni, ovvero capaci di aumentare la resistenza ai fattori di stress. Impiegati per ricavare infusi e tisane energizzanti, sono rimedi naturali per combattere la stanchezza e affrontare la giornata con la giusta energia.

Articoli correlati

Quanto deve essere l’ossigeno nel sangue: livello di saturazione ossigeno ottimale

Esploriamo il ruolo della saturazione di ossigeno nel sangue, i metodi di misurazione e i rischi per la salute associati a livelli non ottimali.

Cervicalgia acuta: sintomi e terapia

Verrebbe da considerarlo un normale “male al collo”. Ma se dietro a questo dolore, intenso quanto momentaneo, si celasse un problema più importante?

Esercizi per cifosi dorsale: ecco come correggerla

Guida al trattamento della cifosi dorsale: esercizi mirati per una colonna vertebrale sana e una postura corretta.

LabofMove Srl - Via Bozzini, 2 - 37135 Verona ITALY 
P.IVA 04623680230 - REA VR - 435964
Cellulare: + 39 371 413 3252
Created by Hassel.
chevron-downmenu-circlecross-circle